Polenta in baita dal 1928
15042
page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,page,page-id-15042,bridge-core-1.0.6,ajax_fade,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-18.2,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.5,vc_responsive
 

Polenta in baita dal 1928

Da un vecchio alpeggio

Da tempo immemorabile questa fu la dimora estiva, tanto per farla sembrare bella, della famiglia Ticozzi. In realtà era il loro luogo di duro lavoro estivo. Qui vi andavano a far pascolare le bestie per ottenere del buon latte. Poi a spalla si scendeva in valle.
Qui coltivavano anche il grano e vivevano di polenta e formaggio per la maggior parte dei giorni. Un duro lavoro nei campi che piano piano si trasformò.

L’amore per la montagna si trasforma in lavoro

Da sempre le persone viaggiavano per la montagna. Passando da questa zona il vecchio Ticozzi non ha mai fatto mancare un pezzo di polenta a chi si trova su queste alture.
Questa sua fama si è diffusa, da montanaro a montanaro. Fino a quando nel lontano 1928, Eligio Ticozzi non richiede e ottiene la possibilità di trasformare in ristoro la sua baita. Da quel momento inizia un’avventura per lui e la sua famiglia, che continua negli anni fino a noi.

Punto d’incontro

Fu così che sempre più gente si recava a mangiar polenta all’Alpe dei Picett, così chiamata perché quella zona è sempre stata la casa di piccoli pettirossi. Picett in dialetto lezzenese.
La passione per la montagna e l’amore per la buona cucina tradizionale fanno arrivare sempre più gente e la fama si diffonde in tutta la Lombardia ed oltre.

We have over 20 years of consultancy experience in this area of corporate business